Oltre che per il suo impegno prima come prefetto della Biblioteca Ambrosiana e poi come presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, il Cardinale lecchese è noto al grande pubblico per i suoi interventi in programmi televisivi di cultura religiosa

Il cardinale Gianfranco Ravasi

Gianfranco Ravasi è nato a Merate (Lecco) il 18 ottobre 1942. Nel corso della formazione nel Seminario arcivescovile di Milano ha studiato numerose lingue antiche e moderne, tra cui il greco e l’ebraico. Ordinato sacerdote nel 1966 dal cardinale Giovanni Colombo, è stato docente di Esegesi biblica al Seminario e alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale e membro della Pontificia Commissione Biblica. Nel 1989 è stato nominato Prefetto della Biblioteca Ambrosiana, carica che ha mantenuto fino al settembre 2007.

Il 22 giugno 1995 è stato nominato Protonotario Apostolico Soprannumerario da Giovanni Paolo II. Nel 2007 Benedetto XVI gli ha affidato l’incarico di formulare le meditazioni della tradizionale Via Crucis del Venerdì Santo al Colosseo. Il 3 settembre dello stesso anno il Pontefice lo ha nominato Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura (incarico nel quale è subentrato al cardinale Paul Poupard), presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra; contestualmente è stato elevato alla dignità di Arcivescovo della sede titolare di Villamagna di Proconsolare. Ha ricevuto la consacrazione episcopale nella Basilica di San Pietro da Benedetto XVI il 29 settembre 2007: co-consacranti il cardinale Tarcisio Bertone e il cardinale Marian Jaworski.

Biblista e teologo di fama internazionale, autore di numerosi libri di divulgazione biblica e di esegesi, ha partecipato ad alcuni programmi televisivi di cultura religiosa, in particolare Le frontiere dello spirito, in onda la domenica su Canale 5. Da anni collabora con i quotidiani L’Osservatore Romano, Il Sole 24 Ore e Avvenire, il settimanale Famiglia Cristiana e il mensile Jesus.

Molto apprezzate anche le occasioni in cui ha cercato di proporre il messaggio scritturistico sulla filigrana di varie suggestioni culturali, musicali e letterarie. Si possono ricordare, tra gli altri, i Dialoghi di Quaresima nel Duomo di Milano, cui ha partecipato dal 2007 al 2010. Recentemente ha guidato gli esercizi spirituali di Quaresima per la Santa Sede.

Ti potrebbero interessare anche: