Benedetto XVI apre l'Anno sacerdotale con una lettera ai presbiteri ricca di citazioni del Santo Curato d'Ars, «patrono di tutti i parroci del mondo», di cui ricorre quest'anno il 150° della morte

Carlo ROSSI
Redazione

«Il Sacerdozio è l’amore del cuore di Gesù, soleva dire il Santo Curato d’Ars. Questa toccante espressione ci permette (…) di evocare con tenerezza e riconoscenza l’immenso dono che i sacerdoti costituiscono non solo per la Chiesa, ma anche per la stessa umanità». È uno dei pensieri iniziali della lettera indirizzata ai presbiteri, con la quale Benedetto XVI introduce la Chiesa all’Anno Sacerdotale che si apre il 19 giugno, giornata dedicata alla preghiera per la santificazione del clero. «Penso a tutti quei presbiteri che offrono ai fedeli cristiani e al mondo intero l’umile e quotidiana proposta delle parole e dei gesti di Cristo, cercando di aderire a Lui con i pensieri, la volontà, i sentimenti e lo stile di tutta la propria esistenza», prosegue il Papa, sottolineando «le innumerevoli situazioni di sofferenza in cui molti sacerdoti sono coinvolti» oltre ai casi in cui sono «perseguitati fino alla suprema testimonianza del sangue». «Il Sacerdozio è l’amore del cuore di Gesù, soleva dire il Santo Curato d’Ars. Questa toccante espressione ci permette (…) di evocare con tenerezza e riconoscenza l’immenso dono che i sacerdoti costituiscono non solo per la Chiesa, ma anche per la stessa umanità». È uno dei pensieri iniziali della lettera indirizzata ai presbiteri, con la quale Benedetto XVI introduce la Chiesa all’Anno Sacerdotale che si apre il 19 giugno, giornata dedicata alla preghiera per la santificazione del clero. «Penso a tutti quei presbiteri che offrono ai fedeli cristiani e al mondo intero l’umile e quotidiana proposta delle parole e dei gesti di Cristo, cercando di aderire a Lui con i pensieri, la volontà, i sentimenti e lo stile di tutta la propria esistenza», prosegue il Papa, sottolineando «le innumerevoli situazioni di sofferenza in cui molti sacerdoti sono coinvolti» oltre ai casi in cui sono «perseguitati fino alla suprema testimonianza del sangue». Umiltà e servizio Dopo aver ricordato la figura di Giovanni Maria Vianney, «il Santo Patrono di tutti i parroci del mondo» di cui ricorre quest’anno il 150° della morte, Benedetto XVI afferma: «Ci sono, purtroppo, anche situazioni, mai abbastanza deplorate, in cui è la Chiesa stessa a soffrire per l’infedeltà di alcuni suoi ministri. È il mondo a trarne allora motivo di scandalo e di rifiuto. Ciò che massimamente può giovare in tali casi alla Chiesa non è tanto la puntigliosa rilevazione delle debolezze dei suoi ministri, quanto una rinnovata e lieta coscienza della grandezza del dono di Dio, concretizzato in splendide figure di generosi Pastori, di Religiosi ardenti di amore per Dio e per le anime, di Direttori spirituali illuminati e pazienti». Benedetto XVI afferma che «a questo proposito, gli insegnamenti e gli esempi di San Giovanni Maria Vianney possono offrire a tutti un significativo punto di riferimento: il Curato d’Ars era umilissimo, ma consapevole, in quanto prete, d’essere un dono immenso per la sua gente». Efficacia del ministero Nella parte centrale della lettera, Benedetto XVI richiama la figura del Santo Curato d’Ars, ricordando che «era giunto ad Ars, un piccolo villaggio di 230 abitanti, preavvertito dal Vescovo che avrebbe trovato una situazione religiosamente precaria (…) Era, di conseguenza, pienamente consapevole che doveva andarvi ad incarnare la presenza di Cristo, testimoniandone la tenerezza salvifica». Il Papa aggiunge: «Alla conversione della sua parrocchia il Santo Curato si dedicò con tutte le sue energie, ponendo in cima ad ogni suo pensiero la formazione cristiana del popolo a lui affidato». Dopo aver affermato che «non si tratta certo di dimenticare che l’efficacia sostanziale del ministero resta indipendente dalla santità del ministro», Benedetto XVI prosegue ricordando che «non si può neppure trascurare la straordinaria fruttuosità generata dall’incontro tra la santità oggettiva del ministero e quella soggettiva del ministro», di cui il Curato d’Ars dette evidente prova. Spiritualità sacramentaria Oltre che antesignano nella valorizzazione dei fedeli laici, il Santo Curato d’Ars – nelle parole di Benedetto XVI – si rivela grande promotore della spiritualità sacramentaria, in maniera speciale quella eucaristica e della confessione. Scrive il Papa a questo riguardo: «I sacerdoti non dovrebbero mai rassegnarsi a vedere deserti i loro confessionali né limitarsi a constatare la disaffezione dei fedeli nei riguardi di questo sacramento. Al tempo del Santo Curato, in Francia, la confessione non era né più facile, né più frequente che ai nostri giorni, dato che la tormenta rivoluzionaria aveva soffocato a lungo la pratica religiosa». Visto il gran numero di fedeli che si recavano ad Ars per confessarsi, il Papa annota che quel piccolo paese era diventato «il grande ospedale delle anime». Richiama poi l’ascesi alla quale il Vianney si sottopose «per evitare che opponesse resistenze alla sua anima sacerdotale» ricordando le sue parole: «Dò ai peccatori una penitenza piccola e il resto lo faccio io al loro posto». I «consigli evangelici» Nella parte conclusiva della lettera, Benedetto XVI prende in considerazione il modo del Curato d’Ars di rapportarsi con i «consigli evangelici» di castità, povertà e obbedienza, notando che «era ricco per dare agli altri ed era molto povero per se stesso»; che – quanto alla castità – «era quella conveniente a chi deve toccare abitualmente l’Eucaristia» e quanto all’obbedienza si ispirava al pensiero: «Fare solo ciò che può essere offerto al buon Dio». Il Papa esorta quindi i presbiteri a considerare una «fraternità sacerdotale effettiva e affettiva», così come testimoniata dal Vianney e ne ricorda anche la venerazione per la Madonna, «lui che nel 1836 aveva consacrato la sua parrocchia a Maria concepita senza peccato, e doveva accogliere con tanta fede e gioia la definizione dogmatica del 1854».

Ti potrebbero interessare anche: