La proposta oratoriana per vivere al meglio il periodo prima del Natale è una ulteriore tappa del percorso "Anche tu così". A disposizione un sussidio per animatori ed educatori


Redazione

Si intitola “Prepara la via” la proposta oratoriana per l’Avvento, tappa del più ampio percorso dell’anno dal titolo “Anche tu così”. Sulla scorta dell’invito dell’Arcivescovo a dedicare il 2010-2011 alla “santità”, i ragazzi saranno chiamati a riflettere sul fatto che nasce fra noi il Santo, che si fa nostro fratello e amico per trasmetterci il dono della sua vita divina. L’accoglienza di questo dono, dato per la nostra felicità, prevede da parte nostra un impegno serio: se Gesù nasce santo, noi allora dobbiamo diventarlo.
Gesù che nasce ha lo stesso sguardo del Buon Samaritano che si fa vicino e si prende cura dell’uomo ferito. Anche il Figlio di Dio è venuto per farsi vicino, per fermarsi e intercettare gli sguardi di ciascuno di noi. Senza la sua incarnazione resteremmo “feriti”, cioè scissi o lacerati in noi stessi. Incapaci di vedere un collegamento e una continuità fra la vita sulla terra e la vita del Cielo. L’impegno educativo consiste nel fasciare questa ferita che separa la vita quotidiana dei ragazzi dall’orizzonte infinito ed eterno a cui sono chiamati.
L’Avvento è il periodo propizio per liberarci da tutto ciò che ci impedisce di incontrare la Grazia che viene nel mondo e per capire che l’Amore può davvero nascere anche dentro di noi, durante il tempo che siamo invitati a non sprecare ma ad investire con cura. L’Avvento è il momento giusto per ribadire che c’è una via fatta di azioni buone, guidate da una fede che si fa carità, che è la via della santità.
Ecco perché “preparare la via”: significa aiutare ciascuno dei ragazzi a sgomberare il cuore da quelle cattive abitudini che lo allontano da Gesù e suggerire per ognuno l’esercizio di azioni buone, che plasmino il cuore e formino il carattere.
Per tradurre queste indicazioni in una animazione concreta durante il tempo di Avvento è a disposizione il sussidio “Prepara la via”, dove gli educatori potranno trovare preghiere, racconti, giochi e animazioni a tema, attività e laboratori per aiutare i ragazzi a preparare la via al Signore che viene.
Il sussidio si articola a partire dalla lettura della Liturgia della Parola delle domeniche di Avvento, secondo il rito ambrosiano, per costruire un itinerario che conduca anche i ragazzi all’incontro con il Signore che viene. Saranno i gesti d’amore dei ragazzi, realizzati sul suggerimento degli educatori, a creare le condizioni per accogliere la Gioia vera: si chiederà loro di prendersi cura delle persone e delle situazioni vicine, cercando di rispondere sempre al comandamento «Amerai… il tuo prossimo come te stesso». Occorrerà incoraggiamento da parte dei più grandi e costanza e forza da parte dei ragazzi per “fare bene il bene” che verrà loro richiesto.
Potranno chiedere l’aiuto dei santi e farsi ispirare dai loro comportamenti, e anche dalle loro azioni “eroiche”, per comprendere che vivere così, come loro, rende ogni credente un testimone luminoso, che brilla di luce riflessa e indica la via a chiunque cerca gioia e pace. La via della santità diventa quindi entusiasmante da percorrere, perché rende ciascuno protagonista del suo tempo, dei suoi spazi, dei suoi legami e amicizie, in un orizzonte dove l’amore vince ogni cosa.
Il sussidio “Prepara la via” è disponibile presso la Libreria In dialogo, via S. Antonio 5, 20122 Milano; tel. 02.58391348.
Si intitola “Prepara la via” la proposta oratoriana per l’Avvento, tappa del più ampio percorso dell’anno dal titolo “Anche tu così”. Sulla scorta dell’invito dell’Arcivescovo a dedicare il 2010-2011 alla “santità”, i ragazzi saranno chiamati a riflettere sul fatto che nasce fra noi il Santo, che si fa nostro fratello e amico per trasmetterci il dono della sua vita divina. L’accoglienza di questo dono, dato per la nostra felicità, prevede da parte nostra un impegno serio: se Gesù nasce santo, noi allora dobbiamo diventarlo.Gesù che nasce ha lo stesso sguardo del Buon Samaritano che si fa vicino e si prende cura dell’uomo ferito. Anche il Figlio di Dio è venuto per farsi vicino, per fermarsi e intercettare gli sguardi di ciascuno di noi. Senza la sua incarnazione resteremmo “feriti”, cioè scissi o lacerati in noi stessi. Incapaci di vedere un collegamento e una continuità fra la vita sulla terra e la vita del Cielo. L’impegno educativo consiste nel fasciare questa ferita che separa la vita quotidiana dei ragazzi dall’orizzonte infinito ed eterno a cui sono chiamati.L’Avvento è il periodo propizio per liberarci da tutto ciò che ci impedisce di incontrare la Grazia che viene nel mondo e per capire che l’Amore può davvero nascere anche dentro di noi, durante il tempo che siamo invitati a non sprecare ma ad investire con cura. L’Avvento è il momento giusto per ribadire che c’è una via fatta di azioni buone, guidate da una fede che si fa carità, che è la via della santità.Ecco perché “preparare la via”: significa aiutare ciascuno dei ragazzi a sgomberare il cuore da quelle cattive abitudini che lo allontano da Gesù e suggerire per ognuno l’esercizio di azioni buone, che plasmino il cuore e formino il carattere.Per tradurre queste indicazioni in una animazione concreta durante il tempo di Avvento è a disposizione il sussidio “Prepara la via”, dove gli educatori potranno trovare preghiere, racconti, giochi e animazioni a tema, attività e laboratori per aiutare i ragazzi a preparare la via al Signore che viene.Il sussidio si articola a partire dalla lettura della Liturgia della Parola delle domeniche di Avvento, secondo il rito ambrosiano, per costruire un itinerario che conduca anche i ragazzi all’incontro con il Signore che viene. Saranno i gesti d’amore dei ragazzi, realizzati sul suggerimento degli educatori, a creare le condizioni per accogliere la Gioia vera: si chiederà loro di prendersi cura delle persone e delle situazioni vicine, cercando di rispondere sempre al comandamento «Amerai… il tuo prossimo come te stesso». Occorrerà incoraggiamento da parte dei più grandi e costanza e forza da parte dei ragazzi per “fare bene il bene” che verrà loro richiesto.Potranno chiedere l’aiuto dei santi e farsi ispirare dai loro comportamenti, e anche dalle loro azioni “eroiche”, per comprendere che vivere così, come loro, rende ogni credente un testimone luminoso, che brilla di luce riflessa e indica la via a chiunque cerca gioia e pace. La via della santità diventa quindi entusiasmante da percorrere, perché rende ciascuno protagonista del suo tempo, dei suoi spazi, dei suoi legami e amicizie, in un orizzonte dove l’amore vince ogni cosa.Il sussidio “Prepara la via” è disponibile presso la Libreria In dialogo, via S. Antonio 5, 20122 Milano; tel. 02.58391348. – – Il calendario – Nove monete di carità – Ritiro adolescenti

Ti potrebbero interessare anche: