“Dio al limite del silenzio” è il tema del corso promosso a Marola - Carpineti dal Centro Studi di Spiritualità della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, aperto a laici, sacerdoti e religiosi. Iscrizioni entro il 6 giugno

San Francesco in estasi_Caravaggio

Il Centro Studi di Spiritualità, promosso dalla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale in collaborazione con la Cel, la Cism il GIS e l’Usmi della Lombardia, operante a Milano dal 1995 per «favorire il confronto tra teologi e operatori pastorali sui temi relativi alla formazione spirituale del cristiano», propone nella prossima estate un Corso residenziale.

Il ritorno della religione è un fenomeno che si presenta con i volti più disparati: basti pensare alla seduzione esercitata dalle nuove religioni o alla rinnovata attenzione per le grandi tradizioni filosofiche e spirituali dell’umanità, fino alle riprese della letteratura gnostica e, non da ultimo, al rinato interesse per la mistica. La spiritualità rinasce, dunque, e tuttavia essa assume forme piuttosto ambigue, che privilegiano percorsi rigorosamente individuali, slegati dalle istituzioni.

Il crescente interesse per la mistica, in particolare, sembra essere motivato da una diffusa sensibilità «post-moderna» tesa a privilegiare, nel contatto con il divino, l’intuizione e l’esperienza personale a scapito della ragione o della verità, sino al rifiuto di ogni mediazione ecclesiale in favore di un incontro immediato con Dio, che rischia inevitabilmente di risolvere – o forse di dissolvere – l’idea di Dio in puro sentimento. In positivo, è però possibile intuire dietro questi itinerari informi, l’attesa e il desiderio di un cammino verso l’Assoluto che non si proponga come itinerario puramente intellettuale, ma esistenziale, cioè un «sapere dell’anima» che sappia intuire le ragioni del cuore e dare parola al sentire interiore.

Prendendo l’avvio dalla consapevolezza di questo complesso fenomeno e cercando di scioglierne l’ambiguità, il corso “Dio al limite del silenzio” – in programma dal 7 al 10 luglio al Centro diocesano di spiritualità e cultura a Marola – Carpineti (Reggio Emilia – via San Donnino 138) – intende riflettere sul tema della mistica cristiana, alla luce della sua lunga e articolata vicenda storica, per riavviare, non arbitrariamente, la riflessione teologica sul tema.

Sarà tenuto dai professori Domenico Bosco, Dario Cornati, Roberto Fornara, Stefano Romanello, Cristina Simonelli e Adriana Valerio. È aperto a tutti (laici, sacerdoti, religiosi/e). Iscrizioni entro il 6 giugno

Ti potrebbero interessare anche: