Una Messa nel 10° anniversario della morte del seminarista di VI Teologia.
La sua vita raccontata in un libro di Ennio Apeciti e in un film per i giovani

Galimberti

Venerdì 3 gennaio, alle ore 18, a Lissone, presso la chiesa prepositurale dei Santi Pietro e Paolo, il Vicario episcopale della Zona pastorale V, mons. Patrizio Garascia, presiede una Santa Messa nel 10° anniversario della morte di Alessandro Galimberti, seminarista di VI Teologia della Diocesi di Milano, morto per una grave patologia del sangue. L’allora Arcivescovo, il cardinale Dionigi Tettamanzi, lo aveva più volte visitato al Policlinico e aveva voluto presiedere la Veglia di preghiera nella parrocchia di Lissone la sera prima delle esequie.

In occasione della celebrazione del 3 gennaio viene presentato anche il libro “Voglio essere come profumo di nardo” (editore Velar Marna, pagine 224, euro 15), curato da monsignor Ennio Apeciti, responsabile diocesano per le Cause dei Santi, che raccoglie parte degli scritti e delle preghiere composte da Alessandro nel tempo della malattia e non solo.

Su Alessandro era stato realizzato il film “Voglio essere profumo” e la vicenda era stata ripresa in uno dei “laboratori della fede” organizzati dalla Pastorale giovanile diocesana.

Ti potrebbero interessare anche: