Redazione

Nata 3 anni fa, la Fondazione si propone di promuovere una cultura del debito responsabile, oltre che di assistere legalmente ed economicamente chi non riesce più a sopravvivere ai propri debiti.

La Conferenza Episcopale Lombarda, attraverso la Consulta Nazionale Antiusura, ha promosso nel 2004 la costituzione della Fondazione san Bernardino come fondazione antiusura di ispirazione ecclesiale per affrontare il fenomeno dell’eccessivo indebitamento delle persone e delle famiglie. La Fondazione san Bernardino, costituita in base all’ art. 15 della legge 108/96, “Disposizioni in materia di usura”, ha scelto di operare con personale volontario di alta professionalità nel campo bancario e legale, attraverso la costituzione di una rete di centri di ascolto delle Caritas diocesane già operanti in Lombardia, sia per l’ascolto e l’invio delle situazioni, sia per l’accompagnamento e la verifica dell’efficacia dell’intervento.

La Fondazione san Bernardino opera su diversi fronti: la promozione della cultura del debito responsabile, la realizzazione di una rete di ascolto e accompagnamento per le persone e le famiglie indebitate, anche attraverso forme di consulenza; l’intervento economico, attraverso una garanzia al prestito per coprire i debiti della persona, o progetti di microcredito a carattere assistenziale.

Allo stato di profondo disagio relazionale, oltre che economico, che le persone indebitate presentano, la Fondazione san Bernardino tenta di dare una risposta integrata attraverso
1. un’azione preventiva ed educativa volta a creare una cultura di “debito responsabile” attraverso convegni, gruppi di studio e di ricerca, dibattiti e conferenze affinché le persone siano portate a riflettere e ad agire responsabilmente nel ricorso alle varie forme di finanziamento;
2. forme di sostegno, sotto forma di consulenza e di accompagnamento, per la definizione della situazione debitoria;
3. idonee garanzie alle banche convenzionate per permettere ai soggetti in difficoltà di accedere al credito bancario per il pagamento di debiti documentati, secondo criteri di valutazione che si basano su:
a. capacità di restituzione del prestito stesso;
b. possibilità di corredare la situazione debitoria con i relativi documenti (fatture, affitti, utenze, ecc);
c. ragionevole certezza che l’aiuto prestato dalla Fondazione san Bernardino possa risolvere la situazione di difficoltà venutasi a creare.

Accanto alle attività e agli strumenti classici di una fondazione antiusura, la Fondazione san Bernardino mette a disposizione delle persone indebitate la possibilità di accedere al microcredito.

Ti potrebbero interessare anche: